Dalla carta da parati agli adesivi murali

 

Sin dalla preistoria l’uomo ha sentito la necessità di decorare le pareti degli spazi che occupava come caverne, templi e abitazioni in generale. Se pensiamo agli antichi Greci a ai Romani, che usavano ornare riccamente e con pitture murali le loro case, e l’esempio più rappresentativo è ancora visibile a Pompei, ci rendiamo conto che ciò che oggi abbiamo sui nostri muri non è altro che il risultato di una evoluzione di questa abitudine.

Successivamente infatti si è continuato a dipingere le pareti ma sono stati usati anche arazzi e cornici da affiggere ai muri, fino a giungere, in tempi moderni, all’utilizzo, e anche diffuso, di carta da parati, impiegata nella progettazione d’interni.

Già a partire dalla metà del XIX° secolo la carta da parati è stata prodotta in serie e quindi resa alla portata di tutti. William Morris è stato l’artista inglese che più di chiunque altro ha divulgato questa tecnica di interior design, caratterizzata da complessi sfondi ricchi di motivi floreali.

Nel XX° secolo però la carta da parati è andata in disuso: dopo la Seconda Guerra Mondiale la sua popolarità infatti diminuì fino all’inizio del 1960, quando la combinazione di un boom economico e l’introduzione della carta da parati lavabile a base vinilica, portò ad un’escalation delle vendite. Tuttavia alla fine degli anni Settanta, la carta da parati cominciò nuovamente a non essere più di moda anche perché non era poi così facile da rimuovere, come invece assicuravano i suoi produttori. Si è utilizzato allora il color pastello per dipingere le pareti, ritenuto un’alternativa più comoda e facile rispetto alla carta da parati, che oltretutto spesso appesantiva l’ambiente.

Più avanti, con la scoperta di un nuovo materiale, il vinile, ha preso piede l’arte degli adesivi murali, gli stencil per meglio intenderci. Questi, assai facili sia da applicare che da rimuovere perché non lasciano residui, non sporcano e non danneggiano la superficie sulla quale vengono posti, rappresentano una soluzione economica ed innovativa per abbellire casa, ufficio o locale commerciale.

Gli adesivi murali possono essere ciò che stai cercando se hai intenzione di rinnovare il tuo spazio. Su www.evergreenorange.com puoi scegliere lo sticker che fa al caso tuo, puoi cioè optare per un’immagine o una frase, o entrambi, come puoi deciderne tu stesso il colore, la forma e la grandezza. Puoi adoperare pure un’immagine creata da te, così come un logo o una frase, lo stralcio di una poesia o un aforisma. Ti basterà inviare la tua proposta a [email protected] e allegare il necessario, per avere risposta nell’arco di solo ventiquattro ore, e tra l’altro NON riceverai periodicamente proposte commerciali indesiderate.

Questo ti garantisce sempre professionalità, affidabilità e qualità. Non a caso vengono adoperati solamente i materiali migliori, come vinile autoadesivo americano e carta applicatore di carta, materiale che garantisce una durata che va dai tre ai cinque anni, soprattutto se l’adesivo da parete viene tenuto lontano da fonti dirette di luce e calore, come stufe, termosifoni e raggi solari.

Ma chi c’è dietro le quinte di questo marchio? Ebbene c’è Caterina, laureata in disegno industriale alla Facoltà di Architettura di Venezia, che con tanto impegno e dedizione ha messo su un suo studio e negozio online nella città di Milano, garantendo il Made in Italy e l’eccellenza del suo prodotto.

Caterina, forte anche della sua esperienza lavorativa all’estero, si occupa quindi di ideazione, realizzazione e vendita di decorazioni d’interni.

Bellezza, originalità e qualità sono le tre componenti chiave per i suoi prodotti. E non solo: la scrupolosa cura e l’attenzione verso il cliente ti convinceranno che vale sicuramente la pena acquistare un adesivo murale!



Altri post interessanti:

a2hosting

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *