I rivoluzionari da Facebook non abitano in Argentina

 

Anni e anni passati a insistere su partecipazione e cittadinanza attiva, cercando di portare la gente in piazza a manifestare e poi, in un amen, ti arriva Facebook et voilà, ti ritrovi con i rivoluzionari da tastiera o con i presenzialisti da social.

Presenti, sì, ma solo nella realtà virtuale del web. Peccato che le cose accadano nella vita reale. L’avrete capito, oggi vorrei discutere con voi di social e partecipazione.

L’arte dell’indignazione on line è sempre più in voga: via web, via Facebook o Twitter che sia, ormai si centuplicano i messaggi di presa di distanza sugli argomenti più diversi: calcio e gestione delle squadre,…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/VolpiCheCamminanoSulGhiaccio/~3/DNIraJDUmlQ/



Altri post interessanti:

a2hosting

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *