Il Regno Unito potrebbe presto identificare i fruitori di porno online

 

Migliaia sono in tutto il mondo i siti web che offrono l’accesso a contenuti per adulti, che si tratti di veri e propri film o semplici video amatoriali, generando un mercato che fa girare ogni anno cifre impressionanti contribuendo a mettere in crisi il tradizionale settore della pornografia, ormai sostituito sempre più dai contenuti online, con centinaia di milioni di utilizzatori in ogni parte del mondo, di qualsiasi età e condizione sociale.

Un elemento che, tuttavia, non manca di scatenare polemiche in tutto il mondo è il fatto che, spesso e volentieri, a fruire dei contenuti per adulti possano essere minorenni che hanno libero accesso alla rete e, di conseguenza, anche ai portali web che offrono…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/LaRagnatelaNews/~3/yuG4tWs4K-o/18515.html



Altri post interessanti:

Sammydress

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *