Il Ritorno di Supercar [Buona Pasqua]

 

Se ne parlava da tempo. Una riedizione del telefilm o un vero e proprio film, che riproponga i fasti di qualcosa  che ha animato i pomeriggi e le fantasie di molti di noi.

L’idea di una vettura che interaggisse con il pilota, che vivesse di vita propria o che prendesse iniziative autonomamente, nel pieno rispetto di protocolli che evidentemente dovevano tutelare chi la conducesse e comunque gli interessi della Fondazione, da una parte fa sorridere, ma comunque affascina o al limite incuriosisce. Kitt, possedeva qualità uniche. I tecnici che l’avevano (per così dire) “ideata”,  avevano prodotto un’auto indistruttibile. La sua carrozzeria era fatta di un super materiale resistente.  Aveva la capacità di fare…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/LaRagnatelaNews/~3/VRO4iHGfyFg/11334.html



Altri post interessanti:

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *