Narcotrafficante “tradito” dalla passione per i social e la bella vita

 

Fanno ormai parte delle nostre vite ed è ormai palese che i social network, grazie alla possibilità di accedervi anche da mobile, rientrano tra le attività quotidiane di milioni di persone nel mondo per controllare cosa stanno facendo gli amici, comunicare o semplicemente condividere momenti importanti e non della propria vita, ma spesso e volentieri non ci si rende conto di come l’attività svolta virtualmente sui social network possa ripercuotersi sulla vita reale, basti ricordare i casi di persone che hanno perso il lavoro a causa di messaggi condivisi sui social.

Ed è proprio legata ai social network, in particolare Facebook, la storia di un cagliaritano, considerato un…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/LaRagnatelaNews/~3/Q04M0C_aYkk/22942.html



Altri post interessanti:

Sammydress

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *