Obama a Cuba con un pugno di mosche

 

Ho riflettuto molto su questo viaggio di Barak Obama a Cuba. Poiché i gesti hanno sempre un forte significato simbolico, sono stata ad osservare le immagini che pian piano arrivavano a noi.

L’ultima volta che ho scritto su Cuba era per commentare la visita di Papa Francesco, nell’articolo Cuba, missa est, ma in quell’occasione avevo visto abbracci e fratellanza.

E ora che la famiglia americana più potente del mondo scende dall’aereo all’Havana, i riflettori sono tutti puntati su di loro. Ma per far luce su che cosa, esattamente?

Il tema è questo, secondo me.

#Dopo…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/VolpiCheCamminanoSulGhiaccio/~3/OIlb1kjqB7E/



Altri post interessanti:

Sammydress

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *