Pornografia e sesso, quando possono diventare un problema

 

Tanti anni fa si estraeva a sorte su chi dovesse andare dal giornalaio a comprare il giornalino “zozzo”. C’era un solo giornalaio sull’Appia che vendeva all’altezza di Ponte Lungo i giornaletti a chiunque, senza chiedere l’età. Ci spingevamo fino laggiù perché all’epoca certi articoli non potevano essere venduti ai minori. Allora a turno, o facendo la conta ci si accollava, con le orecchie rossissime tale incombenza. Poi i giornalini si passavano in classe e si nascondevano nella borsa della scuola, nel libro cercando di  nascondere lo spessore. Le attrici e modelle di quei rotocalchi a luci rosse erano vere e proprie star e però di fatto tutto era più artigianale e anche meno “invasivo”, per quanto reale. Con l’avvento…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/LaRagnatelaNews/~3/hm3gPkigT2Q/17915.html



Altri post interessanti:

Booking.com INT

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *