Umberto Bindi, un grande della musica ghettizzato ma mai dimenticato

 

È morto nel 2002  in un ospedale romano Umberto Bindi; il cantautore aveva 70 anni e da tempo soffriva di cuore. Ha vissuto gli ultimi anni della sua vita in povertà. Bindi ha pagato duramente, con l’emarginazione dal mondo dello spettacolo  le sue scelte coraggiose di visibilità e sincerità, anche con il suo pubblico. Oltre ad alcune fra le più belle canzoni italiane, ci ha lasciato un esempio di coerenza con se stesso e con chi amava.

Non sono serviti a molto gli sforzi di Renato Zero, Pippo Baudo e, sopratutto, il suo grande amico Gino Paoli. Negli ultimi tempi  gli era stato riconosciuto il vitalizio previsto dalla legge Bacchelli, per gli artisti in…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/LaRagnatelaNews/~3/WDIyOH1hEkw/30031.html



Altri post interessanti:

Booking.com INT

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *