Ecco i primi “tatuaggi viventi” in 3D composti da batteri

 

Nel panorama tecnologico globale, una delle innovazioni degli ultimi anni che continua a fare enormi passi avanti è la tecnologia della stampa in 3D, che può essere applicata ai settori più diversi, dalla costruzione di materiali destinati all’edilizia fino allo sviluppo di protesi avanzate e persino di veri e propri organi che, in futuro, potrebbero salvare la vita di persone. E’ per questo che esistono continue ricerche volte a migliorare la comprensione di questa tecnologia per incrementarne i benefici.

L’ultima novità, in tal senso, arriva dal celebre MIT (Massachussets Institute of Technology), che ha presentato i risultati di una importante innovazione che prevede proprio…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/LaRagnatelaNews/~3/ewghssEiq7Y/31102.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.