Facebook ammette di aver pagato aziende esterne per trascrivere messaggi vocali degli utenti

 

 

Gli assistenti virtuali sono ormai parte integrante di molti dei dispositivi che utilizziamo quotidianamente, permettendo di comunicare rapidamente attraverso comandi vocali. Questo è reso possibile dalla continua evoluzione dell’intelligenza artificiale e dal machine learning che impara a comunicare con gli esseri umani per comprendere le richieste impartite e dare una risposta quanto più soddisfacente possibile.

E’ da tempo, tuttavia, che proprio i comandi vocali utilizzati dalla maggior parte degli assistenti digitali al centro di polemiche legate a presunte violazioni della privacy. Tutto è legato al fatto che le principali aziende tecnologiche, per migliorare questi servizi,…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/LaRagnatelaNews/~3/rw9y51l59h0/53970.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.