Nuovi guai per Google. Rimosse 60 app dannose dal Play Store che mostravano annunci pornografici

 

Il Google Play Store è la meta di milioni di utenti che da ogni parte del mondo vi accedono attraverso il proprio smartphone o tablet con piattaforma Android, e non è un caso se si tratta di uno dei servizi più importanti del colosso di Mountain View che attraverso questo negozio digitale offre tantissimi contenuti, dalle applicazioni ai libri, ma anche musica, film e tanto altro.

Purtroppo il Google Play Store periodicamente di trova al centro di notizie che ne mettono in luce le molteplici vulnerabilità che vengono sfruttate da cyber-criminali per diffondere malware che mettono a rischio la sicurezza di milioni di utenti online. E ancora una…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/LaRagnatelaNews/~3/DApqrixpe30/32378.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.