Processo “Eternit-bis”: Schmidheiny rinviato a giudizio

 

Il giudice dell’udienza preliminare del processo “Eternit-bis” ha disposto il rinvio a giudizio dell’imprenditore svizzero Stephan Schmidheiny, CEO del gruppo Eternit sin dal 1976. L’imputato è accusato di omicidio volontario di 392 persone, la morte delle quali sarebbe riconducibile alle lavorazioni di amianto svolte, senza il rispetto di alcuna disposizione in materia di sicurezza sul lavoro, nello stabilimento della multinazionale Eternit di Casale Monferrato, in provincia di Alessandria.

Schmidheiny, che non sembra affatto patire i morsi della coscienza, poco prima della decisione sul rinvio a giudizio aveva rilasciato un’intervista ad un giornale svizzero, nella quale…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/LaRagnatelaNews/~3/Tr5ROErwCSo/58985.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.