Smart Working, un grande vantaggio, ma attenzione alla qualità delle performance e alla tutela dei dati aziendali

 

 

Lo smart working, o lavoro agile, è termine ben noto e con l’esplosione del Coronavirus esso è però prepotentemente entrato nel dibattito collettivo, quasi al pari delle scorte di mascherina o Amuchina andate esaurite.

Per semplificare un aspetto che presenta, lati anche complessi se rapportati alla qualità del lavoro, bisogna inevitabilmente passare dalla direttiva ufficiale emanata dal ministero dal Dipartimento della Funzione Pubblica, a firma della Ministra Fabiana Dadone.

La…
Leggi l’intero articolo su: http://feedproxy.google.com/~r/LaRagnatelaNews/~3/4d0MahaRTww/60046.html

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.